Get Adobe Flash player

postheadericon Consultazione Transculturale

 

Una persona con un problema (personale, familiare, evolutivo, professionale, ecc.) potrebbe trovare nella consulenza psicologica una prima risposta al proprio disagio.

La Consultazione è un intervento psicologico, in cui, all'interno di una relazione di fiducia con uno psicoterapeuta, il soggetto richiedente aiuto ha la possibilità di:

 

- comprendere e definire meglio il problema e la propria domanda d'aiuto;

- collocare il disturbo attuale all'interno della sua storia personale;

- esplorare la propria motivazione al cambiamento;

- interrogarsi sulle sue aspettative rispetto all'intervento psicologico;

- indicare un obiettivo prioritario degli incontri;

- prendere consapevolezza delle proprie risorse;

 

All'inizio del percorso di consultazione il terapeuta e l'utente definiscono un "contratto di consultazione", un accordo in cui si stabiliscono alcuni obiettivi, le modalità di lavoro, il numero e la cadenza degli incontri.

Un percorso di consultazione prevede solitamente un numero finito di incontri ed è generalmente centrato su pochi obiettivi specifici.

Il professionista, oltre ai colloqui, potrebbe far ricorso ad altri strumenti (test psicologici), per avere un quadro più accurato del problema.

Una consultazione può terminare con esiti differenti: può concludersi alla fine degli incontri stabiliti, può sfociare in una vera e propria psicoterapia o può infine produrre un invio ad un'altra struttura o ad un altro professionista.

 

La consultazione transculturale, pur mantenendo invariate tutte le caratteristiche precedentemente descritte, indirizza la propria attenzione anche sulle modalità attraverso cui un individuo si è "costruito" nel tempo grazie all'azione strutturante della cultura o delle culture di appartenenza, culture ereditate dal gruppo familiare (lungo un asse verticale) e dai pari o più in generale dai gruppi sociali in cui è inserito (lungo un asse orizzontale).

L'indagine transculturale, quindi, si focalizzerà anche sulle variabili culturali quali la classe d'età, il genere, la professione, e le diverse appartenenze (familiari, religiose, politiche, ecc.) del soggetto.

Per condurre questo tipo di indagine la metodologia transculturale mette a disposizione del professionista una serie di strumenti specifici come il genogramma transculturale, l'identikit culturale, e alcuni test carta-matita come il Reattivo dell'Albero e il disegno del Mondo.

La consultazione transculturale si rivolge oltrechè ad individui anche a coppie e famiglie, italiane e migranti.